Pubblicità

Finalmente in lingua italiana, Vast: Le Caverne di Cristallo approda nei negozi. Ecco a voi la recensione del gioco da tavolo asimmetrico dove il bene ed il male si mischiano!

Stanchi di impersonare i soliti avventurieri all’interno di un dungeon? Volete provare un nuovo brivido interpretando anche i classici cattivi che solitamente incontrate? Allora abbiamo quello che fa per voi, quindi forza… preparate le vostre schede e unitevi con noi per questa grande avventura!
Vast: le Caverne di Cristallo è un gioco asimmetrico d’avventura fantasy per 2-5 giocatori, prodotto dalla Ledergames e distribuito in lingua Italiana dalla MS Edizioni. Qui si potranno impersonare 5 differenti tipi di personaggi, ognuno con il proprio scopo e le proprie regole, adattabili per qualsiasi numero di giocatori.

Alla fiera dell’est…

Il set-up è più o meno semplice e varia in base ai personaggi che si intende interpretare. Di base comunque si mette la tessera “Entrata” della Caverna al centro del tavolo, circondata ortogonalmente da altre 4 tessere caverna coperte. Poi ogni giocatore prende la scheda del ruolo che vuole giocare con associate le proprie pedine, carte e vari segnalini utili. Da qui la partita può iniziare e, premettendo che si stanno utilizzando tutti i ruoli, l’ordine di turno (assieme alle specifiche del ruolo) è il seguente:

  • CAVALIERE: può effettuare azione di movimento, attacco e percezione (per risolvere eventi, raccogliere tesori, esplorare tessere caverna coperte e quant’altro). Con l’avanzare del gioco il suo “coraggio” aumenta, avendo cosi a disposizione azioni più complesse da eseguire. Il suo scopo è quello di uccidere il drago o, in sua assenza, di distruggere 5 cristalli;
  • GOBLIN: controllano 3 tribù (zanne, ossa e occhio) e tramite l’utilizzo delle relative carte guerra, segreti e mostri, si deve tentare di uccidere il cavaliere, gestendo al meglio le proprie pedine popolazione;
  • DRAGO: Al suo turno può muoversi di due caselle e grazie alle carte potere può attivare delle abilità speciali. Il suo scopo è quello di svegliarsi e fuggire dalla caverna;
  • CAVERNA: eh si… è considerato essere come un personaggio. Il giocatore che lo impersona deve espandersi inserendo nel dungeon nuovi tasselli e, una volta completata l’opera, la caverna crollerà su se stessa dove a turno andranno tolti tre tasselli alla volta. Crollati (o meglio tolti) 5 tessere col simbolo del cristallo, la Caverna sarà il vincitore;
  • LADRO: lo scopo del ladro è quello di portare fuori dal dungeon 6 tesori e durante la partita più ne porta fuori e più ottiene nuove abilità.

Se durante il proprio turno un giocatore soddisfa i requisiti per lo scopo del suo personaggio, la partita termina e quel giocatore viene dichiarato il vincitore.

Ognuno pensi a sé

Com’è ovvio pensare vi abbiamo dato solo una spolverata delle regole che Vast propone per i ruoli che ha a disposizione, un po’ per le troppe nozioni presenti e un po’ perché non vogliamo spoilerare le potenzialità che ogni PG offre. Sappiate comunque che il fascino del gioco sta proprio nel gestire il proprio ruolo con regole ed azioni uniche, stando sempre allerta a come gli avversari si muovano durante il loro turno.

Discorso a parte va fatto per il bilanciamento in quanto è mutevole… spieghiamo meglio: gestire il gioco non è semplice visto che, come dicevamo poc’anzi, bisogna stare molto attenti al turno degli avversari. Ad esempio: il giocatore Caverna vince se crolla tutto e siamo d’accordo, ma deve saper aiutare i propri avversari al momento giusto, come ad esempio dare un tesoro al cavaliere se in difficoltà o penalizzare il drago se questi sta uscendo dal dungeon… insomma deve saper bilanciare bene le cose per fare in modo che riesca a vincere la partita. Detto ciò se un ruolo come questo viene affidato ad un giocatore esperto non si avranno difficoltà nel gestire la propria partita, ma qualora venisse dato ad un giocatore troppo inesperto, si ha il rischio di un forte sbilanciamento e di avere una partita in discesa per alcuni partecipanti.

Vogliamo spezzare comunque una lancia a favore del regolamento, in quanto è doverso fare un bell’applauso alla traduzione della MS Edizioni, i quali hanno fatto veramente un ottimo lavoro. Tempo fa provammo il gioco nella versione inglese e sappiamo che non dev’essere stato semplice tradurre il tutto e grazie a loro ci ritroviamo un regolamento che, seppur abbastanza complesso di per se, risulta essere comprensibile e ben impostato. Da non sottovalutare neanche le schede riassuntive dei ruoli, che aiutano i singoli giocatori a ricordare quali possono essere le singole azioni dei PG che utilizzano.

Interessante comunque come all’interno della scatola italiana abbiano inserito anche le carte bonus presenti nel Kickstarter e che siano state anche tradotte nella nostra lingua (torniamo a ringraziare dunque la MS edizioni), ma soprattutto che sia stata presa in considerazione direttamente la seconda edizione del gioco. Ad alcuni può sembrare normale questa cosa, ma conoscendo il nostro mondo fidatevi, non vi è mai certezza di questo.

I materiali all’interno della confezione sono di buona qualità, dai tiles alle carte, con degli artwork veramente simpatici. Ogni personaggio inoltre può giocare con uno standee raffigurante il proprio “eroe” oppure con un meeple in legno… ecco… per la prima volta siamo costretti a dire che gli standee sono meglio dei meeple. Quest’ultimi risultano essere goffi e per nulla simili (neanche alla lontana ) ai personaggi che dovrebbero rappresentare; ad esempio il drago sembra un palloncino sgonfio e il ladro un semplice rettangolo… addirittura anche gli scrigni sembrano delle semplici mattonelle. Insomma con un piccolissimo impegno in più si poteva raggiungere un risultato sicuramente migliore. Se lo desiderate però sul mercato sono già disponibili separatamente le relative miniature dei vari PG e oggetti del gioco, con l’unico problema che il costo lieviterebbe ulteriormente.

Per quanto concerne la longevità non preoccupatevi, Vast vi regalerà tantissime ore di gioco e la voglia di provare tutti i ruoli (assieme alle varie combinazioni dei ruoli previste in base al numero di giocatori) è largamente alta. Considerate inoltre che troverete all’interno della scatola anche delle varianti alle regole e delle carte che possono abbassare o aumentare la difficoltà di ogni ruolo partecipante. Il consiglio che però vi diamo è quello di giocarlo almeno in quattro giocatori, meglio ancora se cinque, altrimenti si rischia di perdere la natura del gioco stesso.

La vittoria nel palmo di una mano

Vast: le Caverne di Cristallo si conferma essere un gioco solido e ben progettato, adatto sicuramente ad un pubblico di giocatori medio – esperti, non tanto per la complessità delle sue regole ma tanto per il bilanciamento che sanno dare i giocatori stessi durante il corso della partita. Ne consigliamo comunque l’acquisto anche ai quei giocatori che cercano quella strategia in più che pochi titoli come questo possiedono. Per tutti gli altri non preoccupatevi, anche se all’inizio sarà un po’ ostico, Vast riuscirà a fare breccia nei vostri cuori e difficilmente riuscirete a farne a meno.

  • PRO

  • Ottimo asimmetrico

  • Alta dose di strategia

  • Longevità assicurata

  • Grandiosa traduzione della MS Edizioni

  • CONTRO

  • Alcuni materiali sotto la media

  • Regolamento a volte ostico

  • Meglio se giocato in quattro

Componenti
Gameplay
Apprendimento regole
Bilanciamento
Longevità
Media

CONTRIBUISCI A FAR CRESCERE DIEbyDICE.com, BASTA UN SEMPLICE MI PIACE!

Pubblicità