Pubblicità

Finalmente un battle royale diverso dal solito. Battlerite Royale si prefigge di portare un soffio di aria fresca nel genere, ci sarà riuscito?

Era il 2016 quando i ragazzi di Stunlock Studios fecero uscire in early access Battlerite Arena, il gioco competitivo che vede un concentrato di moba e combattimento pvp ad arene (che noi abbiamo trattato in questo articolo). La scorsa settimana, tra attese e polemiche, è arrivato sulla nota piattaforma Steam un nuovo titolo dagli stessi autori, che condivide buona parte degli elementi con il predecessore. Parliamo di Battlerite Royale.

Battlerite Royale, come il nome suggerisce, vuole avvicinarsi al mondo tanto in voga dei battle royale dove un numero ampio di giocatori si scontra all’interno della mappa di gioco, con l’obiettivo di avere un unico sopravvissuto. I maggiori esponenti del genere sono senza dubbio Playerunknow’s Battleground e Fortnite, accumunati da una forte componente shooter in prima o terza persona. È proprio grazie a questo dettaglio che Battlerite vuole costruire il suo spazio di utenza. Rispetto infatti ai tanti concorrenti che negli ultimi tempi hanno tentato l’emulazione del genere, il titolo di Stunlock Studios si propone di cambiare uno degli aspetti più ricorrenti: non si tratterà di uno shooter ma di un misto tra un rpg ed un moba, applicando le caratteristiche tipiche del predecessore Arena. Il risultato, lasciatecelo dire, sembra molto promettente.

Le polemiche

Abbiamo parlato anche di polemiche, le quali sono giunte già con il primo annuncio del gioco. Molti utenti, noi compresi, si aspettavano infatti che Royale fosse una nuova modalità all’interno di Arena e di conseguenza fosse gratuita per colore che avessero già il gioco originale. I produttori invece hanno optato per un titolo stand alone, che nella sua fase early access vede un prezzo di copertina pari a circa 20€. Successivamente, dopo circa sei mesi, diventerà free 2 play uscendo dalla fase di accesso anticipato.

I motivi di questa scelta sono stati spiegati dagli stessi devs e sono i seguenti: il team è una piccola realtà che, sebbene avesse Battlerite Royale pronto nella formula che oggi vediamo, non era altrettanto pronto per la gestione free2play. I mesi a venire non erano sostenibili a livello finanziario e quindi si è deciso di aprire il gioco a chi volesse partecipare sia per aiutarli economicamente negli ultimi mesi di sviluppo, sia per contribuire agli ultimi fix e bilanciamenti in modo attivo. Giusto o sbagliato, da quanto è stato detto, l’alternativa poteva essere stata la morte del progetto.

Cosa bolle in pentola

Torniamo prepotentemente al gioco vero e proprio perché noi di DIEbyDICE ci stiamo divertendo parecchio. Come anticipato questa nuova formula battle royale in chiave moba porta una ventata di freschezza. Avviato il gioco infatti ci troviamo a partecipare ad una partita assieme ad altri trenta giocatori. I match possono essere nel formato tutti contro tutti o in team da due persone, quest’ultima opzione è forse la più divertente regalando diverse situazioni uniche.

Ogni giocatore avrà a disposizione diversi personaggi tra cui scegliere, tutti ereditati dal fratello maggiore Battlerite Arena. Per i più esperti ricordiamo che alcune abilità sono state modificate per venir incontro al bilanciamento della nuova modalità. Anche se in buona parte identici non aspettatevi quindi una fedeltà 1:1 tra gli eroi dei due titoli. Ogni personaggio prevede una serie di 6 abilità specifiche, che potranno essere sbloccate e migliorate nel corso della partita. Inizialmente infatti avremo modo di sbloccare solo due di queste abilità, scatenando una iniziale caccia al tesoro per trovare le restanti.  Gli eroi di Battlerite prendono spunto dai classici protagonisti dei moba, sia come estetica che come comandi. La differenza più netta però è il movimento sulla mappa, che viene gestito con i tasti wasd della tastiera mentre il mouse servirà a mirare.

Abbiamo scelto il nostro eroe e siamo pronti ad iniziare? Non resta che partire in volo assieme agli altri 29 partecipanti su quello che sembra un fortunadrago e lanciarci strategicamente o meno su qualsiasi punto della mappa. Il campo di gioco infatti è molto ampio e diviso in diversi biomi, che donano varietà e colore alla partita. Nella mappa troveremo anche elementi dinamici e divertenti come super salti, altari della cura, altari della resurrezione per il compagno morto, mostriciattoli random e forzieri a tempo. Tutto questo rende la partita molto variabile ed in alcuni casi può risolvere situazioni difficili o ribaltare interi combattimenti.

La partita è molto semplice, articolandosi tra continue ricerche per nuovo loot ed intrepidi scontri con gli altri giocatori. Quest’ultimo elemento ha grande importanza poiché non sempre essere combattivi sarà la scelta migliore. Tendenzialmente il gioco premia le kill con la possibilità di accaparrarsi l’equip dello sconfitto, fondamentale per arrivare allo scontro finale ben equipaggiati. A volte però nascondersi può salvarci la pelle e Battlerite Royale prevede diversi escamotage come finti barili dove entrare, erba alta per sparire alla vista, forzieri esplosivi da piazzare sulla mappa, trappole ed altro ancora.

Lo scopo del gioco è naturalmente rimanere gli ultimi sopravvissuti, evento che regalerà al team vincitore una cassa di loot estetico per i personaggi, oltre ad una decisa salita nella leadboard generale. Rispetto a Battlerite Arena, che rimane molto tecnico e skill based, la nuova versione prevede una buona componente randomica che in alcuni casi prevale sulla mera abilità del giocatore, premiando a volte i più furbetti capaci di nascondersi o di trovare l’equipaggiamento giusto al momento giusto.

Da un punto di vista grafico il gioco non bada molto ai fronzoli, mostrando un’estetica stilizzata nel più classico stile moba. Semplice e piacevole il comparto tecnico di Battlerite Royale è estremamente leggero, permettendo ottimi risultati anche su macchine più datate. Nonostante sia ancora sotto i ferri, anche la parte di netcode sembra girare bene senza lag evidente. Battlerite Royale però non è perfetto e nasconde ancora diversi problemi di bilanciamento tra i personaggi, così come alcuni oggetti o elementi della mappa che posso essere sfruttati in modi imprevisti e fuori luogo. E’ anche vero che si tratta di un titolo ad accesso anticipato e proprio questo periodo sarà fondamentale per risolvere queste falle. In una settimana comunque sono state fatte già due patch correttive e i devs sembrano molto attivi nell’ascolto della community. Rispetto a tanti altri titoli early access lo stato generale, forte anche dell’esperienza di Battlerite Arena, è molto buono ma è giusto mettere in conto che saranno necessarie diverse modifiche da qui all’uscita definitiva per renderlo al 100% competitivo.

Battlerite Royale è un’esperienza nuova per un genere molto inflazionato e questo merita una prova. Per chi è appassionato di battle royale o per chi ha amato Battlerite Arena il consiglio è sicuramente di dargli una possibilità. Messo in conto qualche problema di bilanciamento generale, può diventare una piacevole sorpresa con ottimi margini futuri. Per i più indecisi invece converrà attendere circa sei mesi quando uscirà dalla fase early access adottando il metodo f2p.

  • PRO

  • Finalmente qualcosa di nuovo nel genere battle royale

  • Eroi ben caratterizzati e vari

  • Mappa ampia e ricca di varietà

  • Titolo stabile e pienamente godibile

  • CONTRO

  • Prezzo attuale forse eccessivo, in vista del f2p

  • Bilanciamento da rivedere su alcuni eroi

  • Alcuni elementi del gioco possono essere usati impropriamente

Grafica
Audio
Gameplay
Multiplayer
Media

CONTRIBUISCI A FAR CRESCERE DIEbyDICE.com, BASTA UN SEMPLICE MI PIACE!

Pubblicità